L'io e il noi

Nella psiche, accanto all'io, si trova un agente che possiamo chiamare il '"noi". Alla guida della volontà e della coscienza c'è a volte l'uno, a volte l'altro. Quando è il noi a guidare, l'individuo adotta la mentalità del gruppo a cui al momento sente di appartenere, cioè i canoni etici, estetici e intellettuali del gruppo stesso.

Il noi è variabile nel senso che un individuo può appartenere a diversi gruppi allo stesso tempo e le sue appartenenze possono cambiare nel tempo.

Quando è l'io a guidare, l'individuo è in grado di fare scelte indipendenti dalle mentalità dei gruppi a cui appartiene, come se, al momento, non appartenesse ad alcun gruppo.

Quando due individui comunicano, sono possibili diverse combinazioni di ruoli: io-io, io-noi, noi-io, noi-noi. In tal caso, il noi può riferirsi al gruppo costituito dalla stessa coppia in comunicazione.

Dati due individui, i rispettivi noi possono essere più o meno simili, cioè possono avere più o meno cose in comune. L'interazione tra due individui è tanto più difficile quando più diversi sono i rispettivi noi e i rispettivi io.

Ogni individuo ha un io e un noi più o meno sviluppati rispetto quelli degli altri. In ognuno l'io può essere più o meno sviluppato e forte rispetto al noi.

In alcuni l'io è quasi inesistente rispetto al noi e quest'ultimo prevale quasi sempre in caso di conflitti; in altri avviene l'opposto.

Categorie: Interazionismo | Psicologia
Da Il mondo visto da me (2014-12-31)

Cancellieri.org     Contatto