Il piacere del movimento e la noia dello stare

La vita comporta continui cambiamenti di stato all'interno di un organismo vivente. Quando non avvengono più cambiamenti di stato, l'organismo muore. Il piacere e il dolore non sono proprietà di stati particolari, ma di particolari cambiamenti di stato.

La felicità non è dunque associata ad uno stato fisso, ma al movimento e al lavoro che producono un certo cambiamento di stato. In altre parole, è nel fare e nel realizzare che si prova piacere, non nel contemplare o nell'usare ciò che si è fatto o realizzato. Si dice infatti che il bello del viaggio non è la meta, ma il percorso per raggiungerla.

Categorie: Felicità
Da Il mondo visto da me (2016-12-30)

Cancellieri.org     Contatto