Comizi populisti

Certi comizi politici, come quello organizzato dalla Afd in Germania a cui oggi ho assistito in TV (e presumo che le cose non siano diverse per alcuni partiti italiani), mi sembrano riti-spettacoli in cui l'oratore sputa sugli avversari o li deride, e ad ogni sputo o insulto o qualunque altra espressione di disprezzo, il pubblico applaude in massa identificandosi con lo sputatore e si sente forte per l'applauso generale, come se questo fosse rivolto a ciascuno di essi, una conferma di approvazione della propria personalità e di appartenenza ad una società giusta minacciata da nemici della patria.

Nessuna idea concreta, solo slogan carichi di autocompiacimento e di disprezzo e odio per gli avversari. La logica è semplice. I nostri avversari politici fanno una politica contraria agli interessi della nazione. Quindi sono stupidi, e/o ignoranti e/o in malafede e curano solo i propri interessi a danno di quelli della patria. Quindi sono meritevoli del nostro disprezzo, come pure coloro non sono contro di essi, e quindi sono loro alleati. E' per colpa loro che le cose vanno male. Dobbiamo liberarcene per riportare la tranquillità e il benessere nella nostra nazione.

Categorie: Conflitto | Politica
Da Il mondo visto da me (2018-02-14)





Cancellieri.org     Contatto