Cooperazione vs. competizione

I rapporti umani sono segnati da due opposte tendenze naturali: l'istinto di cooperazione (senza il quale la specie umana si estinguerebbe) e quello di competizione, senza il quale non ci sarebbero progresso tecnologico, né, dittature, né guerre.

Da un punto di vista etico, la cooperazione è normalmente considerata un bene, mentre la competizione, in quanto opposta alla cooperazione, un male.

Come ci insegna la psicoanalisi, noi tendiamo a nascondere, anche a noi stessi, tutto ciò che in noi è immorale o politicamente scorretto, per cui finiamo per credere di essere più cooperativi e meno competitivi di quanto in realtà siamo.

Per esempio, l'invidia e l'arrivismo sono manifestazioni dell'istinto di competizione ed è difficile trovare uno che ammetta di essere invidioso o arrivista.

Purtroppo, l'istinto di competizione, sebbene rimosso nell'inconscio, non smette di agire per vie traverse e mistificate, col risultato che la vita sociale, e la conoscenza di se stessi, sono essenzialmente false perché ognuno cerca di sembrare più cooperativo e meno competitivo di quanto sia in realtà.

Sarebbe quindi meglio per tutti ammettere sinceramente, a se stessi e agli altri, che in ognuno di noi albergano entrambi gli istinti di cooperazione e di competizione.

Categorie: Inconscio | Bisogni umani | Automistificazione | Politica | Psicologia | Psicoanalisi
Da Il mondo visto da me (2016-10-16)

Cancellieri.org     Contatto