Perché soffriamo?

Perché abbiamo dei bisogni che non riusciamo a soddisfare.

E perché non riusciamo a soddisfare alcuni nostri bisogni?

Ci sono bisogni la cui soddisfazione richiederebbe la collaborazione di altre persone, che però non sono sempre disposte a collaborare con noi a tale scopo, così come noi non siamo sempre disposti a collaborare con gli altri per soddisfare i loro bisogni.

Ci sono bisogni la cui soddisfazione richiederebbe un certo grado di intelligenza, ma questa a volte è insufficiente.

Ci sono bisogni la cui soddisfazione richiederebbe un certo grado di conoscenza di sé stessi, degli altri e del mondo, ma questa a volte è insufficiente, a volte distorta.

Ci sono bisogni la cui soddisfazione richiederebbe un certo grado di salute mentale, ma questa a volte è insufficiente, a volte compromessa in modo irreversibile.

Ci sono bisogni la cui soddisfazione richiederebbe un certo grado di autocontrollo, ma questo a volte è insufficiente.

Ci sono bisogni la cui soddisfazone richiederebbe un ambiente sociale e naturale diverso da quello attuale, ma non sempre si può cambiare l'ambiente sociale o naturale, o spostarsi in un ambiente migliore.

Ci sono bisogni che non conosciamo o che consideriamo illeciti e per questo non cerchiamo di soddisfarli. D'altra parte ci sono bisogni artificiali, indotti dalla pubblicità e dal consumismo, i quali, anche se soddisfatti, non ci fanno stare bene.

Ci sono bisogni la cui soddisfazione richiederebbe fortuna, ma questa non sempre è a noi favorevole.

Categorie: Filosofia
Da Il mondo visto da me (2015-09-05)

Cancellieri.org     Contatto