L'umanità: dov'è il confine tra "noi" e "loro"?